Trasferirsi a lavorare a Tenerife; quanto costa vivere a Tenerife?

Shares

Costo della vita a Tenerife, consigli pratici per trasferirsi a vivere a Tenerife, portali e annunci per cercare lavoro, risorse online e siti web utili per lavorare a Tenerife.

Scommetto che uno dei buoni propositi che hai formulato per l’anno nuovo è quello di cambiare vita. Magari stai pensando di trasferirti all’estero e magari hai messo gli occhi proprio su Tenerife, uno degli angoli più belli e appetibili del mondo per migliaia di expat, a causa di un basso costo della vita e un clima spettacolare che bacia le coste dell’isola tutto l’anno.

Ho già dedicato alle Isole Canarie una guida molto approfondita, ma Tenerife merita un’attenzione particolare. E non solo perché è la più grande e la più maestosa dell’arcipelago, ma perché è qui che probabilmente si concentrano le maggiori opportunità di lavoro.

Trasferirsi lavorare a tenerife costo vita vivere tenerife

Se quello che sogni è andare a vivere e lavorare a Tenerife, allora sei capitato nel posto giusto. In questa piccola guida ti racconto l’essenza di quello che devi sapere per trasferirti a Tenerife: quali sono i vantaggi e gli svantaggi di vivere nell’isola, i documenti necessari per potere lavorare, le risorse online da consultare per trovare casa, i siti web migliori per cercare lavoro, il costo della vita. E molto altro ancora.

Allora, cominciamo?

Tenerife: un’isola per tutti

Le Isole Canarie sono una provincia autonoma della Spagna, fanno parte perciò della Comunità Europea ma godono di un regime fiscale indipendente.

Con i suoi 2.000 km² di estensione e più di 900.000 abitanti, Tenerife è l’isola più grande e popolosa di tutto l’arcipelago. È impossibile parlarne senza menzionare il Teide, la vetta più alta dell’intera Spagna e il terzo vulcano al mondo per altitudine dalla sua base. Con i suoi 3.718 metri, si erge maestoso al centro dell’isola, dividendola in due zone molto diverse per clima e paesaggi.

La parte nord è più fredda e piovosa rispetto al sud, e questa differenza si riflette anche nella conformazione del territorio: più verde e ricco di boschi al nord, più arido e caldo al sud.

La maggior parte dei turisti si concentra nella zona meridionale dell’isola, in cerca di spiagge da sogno e relax. Il nord diventa invece la meta più ambita per gli appassionati di trekking e gli amanti della tranquillità.

Le famiglie con bambini trovano in Tenerife il luogo ideale per una vacanza all’insegna della natura, del mare e del clima mite tutto l’anno, mentre i nomadi digitali l’apprezzano non solo per le sue spiagge e le temperature clementi, ma anche per lo stile di vita rilassato che offre e un costo della vita inferiore rispetto a quello italiano ed europeo.

Vivere a Tenerife da pensionato

Sono però soprattutto i pensionati a prendere d’assalto Tenerife. L’isola è entrata già da tempo nella top ten dei paradisi in terra per i pensionati italiani (e non solo), grazie alle agevolazioni fiscali garantite dal Governo canario che permettono di godersi l’intero importo della pensione senza alcuna detrazione fiscale.

Aggiungici i benefici per la salute derivanti dal clima costantemente temperato – un vero balsamo per ossa e polmoni – un servizio sanitario eccellente e uno stile di vita a misura d’uomo e ti sarà semplice capire come mai sempre più over 60 scelgano di andare a vivere a Tenerife. Perché ingrigirsi prima del tempo nello spazio angusto di un ospizio quando ci si può concedere una seconda giovinezza in compagnia di migliaia di coetanei di tutto il mondo?

Vivere e lavorare a Tenerife: cosa devi sapere

Se stai pensando di trasferirti per lavorare a Tenerife, sappi che la prima cosa da fare è mettersi in regola con tutta la documentazione necessaria. Se ne sei sprovvisto, infatti, nessun datore di lavoro prenderà in considerazione la tua candidatura e non potrai accedere ad alcuni servizi basilari, come aprire un conto in banca, comprare una macchina e soprattutto usufruire dell’assistenza sanitaria.

I documenti necessari

I documenti di cui avrai bisogno per vivere e lavorare a Tenerife sono due:

L’empadronamiento: viene redatto dal comune in cui andrai ad abitare e certifica la tua presenza e residenza sul territorio canario. Senza empadronamiento non potrai accedere al secondo, fondamentale, documento.

Il NIE (Número de Identidad de Extranjero): è il numero d’identificazione dei cittadini stranieri ed è indispensabile per potere vivere a Tenerife e in generale alle Canarie per più di tre mesi, oltre che per sbrigare ogni formalità burocratica.

Per ulteriori approfondimenti sull’argomento, ti rimando alla guida che ho scritto su come vivere e lavorare alle Canarie.

Lavorare a Tenerife

Sistemata la documentazione, è ora di iniziare a cercare un lavoro a Tenerife. Facciamo una premessa: vivere a Tenerife e lavorare sull’isola dell’eterna primavera non è la scelta ottimale per tutti; alcune categorie di persone e lavoratori ne trarranno più vantaggio rispetto ad altre.

Se stai cercando lavoro come dipendente, sappi che alle Canarie i salari sono inferiori e le condizioni di lavoro più difficili rispetto alla Spagna continentale. Inoltre, il tasso di disoccupazione è uno fra i più alti d’Europa. Questo non significa che trovare lavoro a Tenerife sia una missione impossibile, tutt’altro, ma solo che dovrai armarti di tanta pazienza e imparare a cercare nei posti giusti.

I settori più sviluppati per lavorare a Tenerife sono quelli del turismo, della ristorazione e di tutte le attività locali che ruotano attorno ai vacanzieri, come i negozi di souvenir, i centri diving e le scuole di surf.

Se hai esperienza in uno di questi settori, punta in questa direzione, cercando lavoro come cameriere, istruttore, receptionist, commesso e venditore, a seconda delle tue competenze. Per questo tipo di lavoro la conoscenza dello spagnolo è imprescindibile, se poi mastichi altre lingue, come per esempio il tedesco oltre che ovviamente l’inglese, sarai sicuramente più avvantaggiato.

Per lavorare nel turismo e nella ricezione la zona migliore dove dirigersi è a sud nelle zone di Los Cristianos o Playa de las Américas, ma anche Santa Cruz e Puerto de La Cruz offrono interessanti opportunità.

Come cercare lavoro a Tenerife

Il mio consiglio per lavorare a Tenerife è quello di fare come si faceva un tempo: consegnare il CV a mano. Quando è possibile, non esiste modo migliore per distinguersi che scambiare qualche battuta con il potenziale datore di lavoro. Quello del vis à vis è un metodo molto apprezzato da queste parti, in alcuni casi preferito persino alle candidature telematiche. Se ti serve una mano per preparare il tuo curriculum vitae prima di partire per Tenerife, dai un’occhiata alla mia guida CV.

Il mondo del web non è comunque da scartare, anzi, puoi trovare diverse offerte lavorative interessanti spulciando tra i vari siti specializzati.

Ecco alcune risorse online che puoi sfruttare per cercare lavoro a Tenerife:

Iscriviti anche a gruppi e pagine Facebook, come Trabajo Tenerife, dove troverai offerte sempre aggiornate. Ma, soprattutto, parla con le persone del posto: migliorerai il tuo spagnolo e amplierai le tue conoscenze, attivando quel mezzo potentissimo che è il passaparola, che prima o poi darà sicuramente i suoi frutti.

Tenerife per nomadi digitali

Se sei un nomade digitale, Tenerife rappresenta una destinazione tra le più interessanti, sicuramente meno inflazionata di Las Palmas, la capitale della vicina isola di Gran Canaria.

Se sei un freelance o puoi gestire da remoto il tuo lavoro da dipendente, qui troverai il tuo luogo ideale. Potrai lavorare e vivere a Tenerife sfruttando il clima meraviglioso dell’isola, un basso costo della vita e agevolazioni fiscali molto interessanti.

Nell’isola la fibra ottica è presente quasi ovunque (a parte i paesini più sperduti) e si contano numerosi coworking, spazi per lavorare in condivisione e fare networking con altri professionisti della rete. La maggior parte di essi si trova a Santa Cruz, la capitale, e Puerto de la Cruz.

Se stai cercando una scrivania da cui poter lavorare durante la tua permanenza a Tenerife, prova a dare un’occhiata a questi siti:

Quanto costa vivere a Tenerife?

Grazie a un regime fiscale agevolato, vivere a Tenerife può risultare molto economico. Sebbene le cose siano cambiate molto negli ultimi anni, soprattutto sul fronte affitti, è in genere ancora possibile vivere da soli con circa 1000 euro al mese, a patto di evitare le zone turistiche del sud.

Costo della vita a Tenerife

Facciamo qualche esempio concreto del costo della vita a Tenerife e di prezzi di beni quotidiani facendoci aiutare dal nostro amatissimo numbeo:

  • Costo della benzina al litro: 0,93€
  • Pasto in un ristorante tipico canario: 8€
  • Abbonamento mensile mezzi pubblici: 40€
  • Affitto di un appartamento con una stanza in centro: 513€
  • Affitto di un appartamento con una stanza fuori dal centro: 360€
  • Bollette (calcolate sulla base di un appartamento di 85 metri quadri): 67€

I costi possono variare molto a seconda della zona e del tipo di alloggio che si cerca. Si parte da circa 200 euro per una stanza in un appartamento condiviso, fino a 500-700 euro mensili per un appartamento indipendente, spese escluse.

Dove vivere a Tenerife?

Come dicevamo all’inizio di questa guida, l’isola di Tenerife è divisa in due parti molto diverse tra loro, per paesaggi e clima. Il sud è caratterizzato da lunghe spiagge, temperature miti e una massiccia presenza di turisti, mentre la parte nord è decisamente più tranquilla, più verde ma anche più fredda.

La scelta su dove vivere è quindi molto personale, ma se non ami il caos del turismo di massa ti consiglio di evitare le zone più inflazionate del sud, che sono peraltro anche le più care.

Un buon compromesso per rimanere a sud e sfruttarne le opportunità di lavoro senza stare nell’occhio del ciclone è orientarsi su località come Candelaria o Guimar, deliziosi paesini tipici canari che non hanno ceduto alla cementificazione e hanno mantenuto il loro fascino intatto nel tempo.

Il nord dell’isola è invece un susseguirsi di piccole cittadine affacciate sul mare, escludendo Puerto della Cruz, che conta circa 26.000 abitanti. Questa è la parte più vera di Tenerife, quella che ancora conserva la sua anima rurale e le sue tradizioni.

Come trovare casa a Tenerife

Attualmente la situazione degli affitti a lungo termine è molto complessa, a causa dell’incessante flusso migratorio che ha investito tutte le Canarie negli ultimi anni. La domanda supera di molto l’offerta, gli immobili disponibili scarseggiano e i prezzi sono purtroppo saliti alle stelle.

Puoi comunque farti un’idea della situazione immobiliare cercando su questi siti:

La strategia migliore per cercare casa a Tenerife è la stessa suggerita per trovare lavoro: il passaparola! Chiedi nei supermercati, nei ristoranti e nei piccoli negozi, parla con la gente del posto e vedrai che prima o poi qualcuno ti darà le dritte giuste.

Una nota importante per chi ha amici a quattro zampe: se hai un cane o un gatto e intendi portarli con te, sappi che incontrerai molte difficoltà. In quasi tutti i contratti di affitto c’è infatti una clausola che vieta la presenza di animali.

Vivere e lavorare a Tenerife e cambiare finalmente vita è una sfida emozionante, che come tutte le scelte ha bisogno di essere ponderata con attenzione.

Se in questa guida non hai trovato le informazioni che cercavi per trasferirsi e vivere a Tenerife, oppure se hai dubbi e richieste particolari, scrivimi qui sotto nei commenti e proverò a risponderti!

Shares

15 commenti su “Trasferirsi a lavorare a Tenerife; quanto costa vivere a Tenerife?”

Lascia un commento

  1. salve insieme la mia compagna abbiamo deciso di andarcene dalla nostra Sicilia…. lavoriamo nella ristorazione da 18 anni io sono abbastanza completo nel settore in grado a produrre gelati granite pasta di mandorla ecc… sono pizzaiolo sommelier cameriere Banconista da diversi giorni leggo su internet la vita di Tenerife ho due bambini uno di 14 anni una bimba di 6 ovviamente verranno con noi ho visto le scuole ecc. ecc ovviamente non parliamo spagnolo sicuramente con la forza di volontà e senza la paura del cambiamento siamo disposti a partire per cambiare la nostra vita essendo ancora giovani volenterosi

    • Ciao Corrado, un grosso in bocca al lupo allora 🙂 unico consiglio che vi do, cercate di studiare lo spagnolo così sarà più semplice trovare lavoro e adattarsi alla vita a Tenerife.

  2. Buongiorno sono Fabrizio sono un magazziniere mulettista e parlo molto bene spagnolo volevo sapere se c’era la possibilità di lavorare ho tutte le patenti dei carrelli elevatori grazie mille

    • Ciao Fabrizio, non conosco il tuo settore nello specifico, per cui ti suggerisco di utilizzare i link ai siti web di annunci lavorativi elencati nella guida, così potrai farti un’idea più precisa sulle eventuali offerte di lavoro disponibili a Tenerife. Un saluto e un grosso in bocca al lupo!

  3. Buongiorno. Come architetto, Interior designer (esperienza decennale e ottima conoscenza della lingua inglese), ci potrebbero essere opportunità? Grazie mille

    • Ciao Domenico, con una rapida ricerca nei siti di annunci di lavoro a Tenerife elencati nella guida ho trovato 3/4 offerte come architetto, per cui prova anche tu a consultare i portali indicati così potrai consultare direttamente gli annunci.

  4. Buongiorno,
    sono un musicista (pianista e direttore d’orchestra e coro). Vorrei sapere se a Tenerife ci sono scuole di musica, Conservatori o teatri a cui poter inviare il proprio curriculum artistico. Grazie mille.

    • Ciao Pier Giorgio, facendo una rapida ricerca su Google ho trovato almeno 7/8 tra scuole di musica e conservatori a Tenerife, potresti provare ad inviare il tuo CV in spagnolo per proporti a queste strutture.

      Suerte!

  5. Buonasera, sto valutando una eventuale possibilità di cambiar vita. Mio marito ( 58 anni ) al momento è disoccupato era impiegato presso uno studio notarile come impiegato, io ( 56 anni ) sono attualmente impiegata presso un’agenzia viaggi. Per la pensione siamo ancora lontanissimi ( pochi anni di contributi ) pertanto la nostra idea sarebbe di continuare a lavorare a Tenerife….si può fare?
    Grazie

    • Ciao Chiara, dipende tutto dalla vostra conoscenza della lingua, da cosa volete fare a Tenerife e direi anche dalla zona in cui volete trasferirvi.

      La cosa migliore da fare secondo me è quella di prendersi qualche settimana di tempo per fare un giro di ricognizione e valutare di persona eventuali opportunità lavorative sull’isola.

  6. Buona sera Gianluca avevo una domanda verso una persona che sembra avere le idee abbastanza ferrate su Tenerife, io in tutta onestà ho un lavoro in Italia anche una paga direi buona, ma per una ragione affettiva farei il passo di andare via per stabilirmi a Tenerife, magari inizialmente lavorare se ci fosse possibilità per qualche azienda che fa serramenti io sono nel settore in Italia faccio il tecnico in questo settore, anche alla mia compagna piacerebbe anche perché per sentito dire la qualità della vita è discreta
    Certo che la mia idea sarebbe appena possibile fare qualcosa per conto mio sempre nel settore

    • La tua domanda è poco chiara, ma direi che dipende tutto dal tipo di attività che si vuole aprire e ovviamente anche dal budget, oltre che dal personale… ci si può fidare? Quali sono i tuoi obiettivi professionali? Hai già fatto un giro di ricognizione e un business plan per valutare la tua idea?

  7. Buongiorno , ho letto attentamente quanto espone nell’articolo.
    Serie ed impreviste difficoltà familiari mi fanno decidere di allontanarmi da Milano.
    Sono sola ho 67 anni con una piccola gattina, l’ho appena presa. Ex dipendente di un ente pubblico locale vorrei capire se potrebbe essere fattibile vivere a Tenerife con ca. 1200 euro/mese. Ovviamente non ho grandi pretese ma mi piace il mare e ci vorrei passare questi ultimi anni senza allontanarmi troppo dalla nostra “civiltà”. Per il momento la salute regge bene. Se richieste posso offrire referenze. Grazie se riceverò una risposta. Cordialità mariagrazia

    • Salve Mariagrazia, 1200€ potrebbe essere un budget sufficiente ma tutto dipende dalla zona in cui si affitta l’appartamento, dato che i prezzi sono aumentati negli ultimi anni.

      La miglior cosa da fare è quella di organizzare un viaggio di perlustrazione, così da farsi un’idea più precisa sulle zone nonché sui costi effettivi. Noi non siamo un’agenzia e non forniamo alcun servizio di questo tipo, mi spiace.

      Un grosso in bocca al lupo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *