Martina, in viaggio a tempo indeterminato per il sud est asiatico

Shares

Martina ha vissuto a Barcellona prima di decidere di partire per un viaggio a tempo indeterminato attraverso il sud est asiatico. Lavora come freelance Content Editor e Travel Writer e vuole diventare nomade digitale. È possibile seguire il suo viaggio attraverso la sua pagina Facebook e il profilo di Instagram.

Ciao Martina, presentati ai lettori di Cambiare Vita

Ciao! Mi chiamo Martina, ho 32 anni e mi occupo di marketing, social media e traduzioni. Da qualche mese sono entrata nel magico mondo dei freelance e lavoro come Content Editor e Travel Writer. Collaboro anche come traduttrice e guida turistica a Barcellona… un mix di cose! 🙂 Racconto le mie esperienze di viaggio come l’ultima che sto vivendo nel sud est asiatico, e la mia vita nella capitale catalana sul mio blog Photographer of Dreams.

Di dove sei e di cosa ti occupavi in Italia?

Sono originaria di Ravenna, città in cui ho vissuto fino all’età di 30 anni. Ho sempre lavorato nel mondo della comunicazione e del marketing. Ho studiato comunicazione pubblicitaria all’università, ma poi mi sono resa conto che la pubblicità puramente commerciale non faceva per me, così ho deciso di specializzarmi in comunicazione e promozione turistica, focalizzandomi su Social Media e Content Marketing.

photographer of dreams barcellona

Negli ultimi anni in Italia, ho lavorato nell’ufficio comunicazione di un’azienda della mia città ed ho iniziando a collaborare con blog e riviste di viaggi on line.

​Quando e perché hai deciso di trasferirti all’estero?

Mi ero data una scadenza. Entro i 30 anni dovevo decidere, rimanere o partire. Avevo un buon lavoro a tempo indeterminato che mi teneva stretta, ma io sognavo Barcellona da sempre, da quando c’ero stata la prima volta nel 2006 per qualche mese. E così, prima di compiere i 30 anni, ho deciso di mollare tutto e trasferirmi.

​Quali sono state le motivazioni che ti hanno portato a Barcellona?

L’amore per la città principalmente. Il grande amore 😉 Ravenna mi stava stretta e non mi è mai piaciuta, mentalità troppo di provincia, gente chiusa. Io avevo bisogno di una metropoli cosmopolita, open minded, che mi desse nuovi stimoli ed opportunità. Una proposta di lavoro, ricevuta via Twitter, da un’agenzia di appartamenti turistici, è stata la svolta. Era un segno, dovevo andare a vivere a Barcellona e così è stato.

​Raccontaci la tua esperienza di expat a Barcellona

Per me Barcellona è sempre stata casa. Da quell’estate del 2006 (ho trascorso lì i mesi estivi lavorando in un bar) è come se non me ne fossi mai andata. Quando mi sono trasferita nel 2014, era come se conoscessi già tutto alla perfezione.

Poi è iniziata la trafila burocratica: la richiesta del NIE (documento fondamentale per lavorare e per poter usufruire di tutti i servizi in città), la ricerca della casa, capire come funziona il sistema sanitario, etc.. I primi mesi sono stati un po’ intensi ma con la felicità nel cuore! 😉

Barcellona non è comunque una città facile: tanta concorrenza per chi cerca lavoro, prezzi sempre più alti per chi cerca una stanza in affitto. Allo stesso tempo però, è una città che da molte opportunità, soprattutto a chi si vuole davvero mettere in gioco.

​Da qualche mese hai lasciato il tuo lavoro per metterti in viaggio: dove ti trovi e di cosa ti occupi?

Sono in viaggio da tre mesi nel sud est asiatico ed attualmente mi trovo in Vietnam, dopo essere stata in Thailandia, Singapore e Filippine. Collaboro come Travel Writer per alcune realtà turistiche, faccio traduzioni e lavoro, per la startup Tripuniq, come guida turistica online, preparando itinerari personalizzati per i turisti che desiderano visitare Barcellona.

viaggio sud est asiatico

Lavorare e viaggiare come nomade digitale, come hai vissuto questa esperienza​?

Come la sto vivendo, direi… non è facile, non per me che sono ancora agli inizi e forse devo ancora trovare il metodo di lavoro più adeguato per me.

Prima di partire per il sud est asiatico pensavo potessi far coincidere le due cose e lo sto facendo, ma non come vorrei. Il problema e che sono sempre troppo in movimento e dovrei forse fermarmi di più in un luogo per concentrarmi sul lavoro. Per ora penso a viaggiare da un luogo ad un altro, senza fermarmi mai! 😉

Al termine del tuo viaggio in sud est asiatico, rientrerai a Barcellona o ti fermerai in qualche altra città?

Chissà cosa mi riserva il futuro e dove mi fermerò. Sinceramente ora non ho piani precisi e so che prima o poi il mio viaggio nel sud est asiatico terminerà e tornerò a Barcellona. Barcellona è il mio posto nel mondo ed è lì che voglio stare, questo è ciò che so ora.

Quali sono i tuoi sogni e progetti futuri?

Eccola qui la domanda a cui si fa sempre fatica a rispondere! Quello che sognavo da un po’, lo sto realizzando ora… il mio viaggio nel Sud Est Asiatico. Ora come ora, quello che vorrei e poter continuare a fare quello che mi piace, avere sempre la grinta per lottare per ciò in cui si crede senza fermarmi davanti agli ostacoli. Voglio crescere professionalmente e continuare la mia vita da freelance.

Il mio progetto futuro è proprio questo: continuare a studiare e lavorare sodo per poter vivere facendo il lavoro che mi piace.

Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *