Smart working a Dubai, visto di 1 anno per lavorare in remoto dagli Emirati Arabi

Il Dipartimento del Turismo di Dubai, Emirati Arabi, ha annunciato un nuovo visto per professionisti e imprenditori che vogliono vivere e lavorare in remoto dalla città famosa in tutto il mondo per gli edifici e grattacieli moderni, i negozi di lusso e la vita notturna. Ecco come fare per richiedere il permesso e fare smart working a Dubai.

Sogni di fare i bagagli e trasferirti con tutta la tua famiglia a Dubai?

Arriva il visto per vivere a Dubai per 1 anno dedicato a professionisti e nomadi digitali che lavorano in remoto, un nuovo programma che ti dà la libertà di vivere negli Emirati Arabi e lavorare a distanza, portando con te la tua famiglia senza però rinunciare al tuo impiego.

Perché fare smart working a Dubai? Uno dei luoghi più sicuri al mondo, con un mix di culture provenienti da tutti gli angoli del globo, spiagge da sogno, locali, bar e ristoranti di lusso e una qualità della vita con standard molto alti.

Visto per vivere e lavorare in smart working a Dubai

Il mondo del lavoro è cambiato molto negli ultimi mesi, e le persone non hanno più bisogno di condividere un ufficio con il proprio datore di lavoro o con i colleghi, niente pause caffè alla macchinetta… quindi perché non partire verso luoghi esotici che offrono migliori opportunità di vita e lavorative?

Questo deve aver pensato il dipartimento del Turismo di Dubai, che ha lanciato un nuovo visto valido 1 anno per poter vivere regolarmente negli Emirati Arabi, e portare con se anche la propria famiglia se necessario. Ma vediamo come funziona:

  • Visto di lavoro virtuale valido 1 anno;
  • Costo di 287 USD + assicurazione medica con copertura valida per gli Emirati Arabi Uniti e spese amministrative (costo per persona);
  • Accesso a tutti i servizi necessari comprese le telecomunicazioni, i servizi pubblici e le scuole;
  • Un hub globale e una forza lavoro qualificata, composta da oltre 200 nazionalità.

Come fare per candidarsi e quali sono i requisiti?

  • Passaporto con validità minima di 6 mesi;
  • Assicurazione sanitaria con validità della copertura per gli Emirati Arabi Uniti;
  • Un documento che attesti l’attuale impiego con il tuo datore di lavoro, con contratto minimo di un anno, uno stipendio minimo di 5.000 USD mensili, una copia dell’ultima busta paga e estratti conto dei 3 mesi precedenti;
  • Se invece sei il proprietario di una compagnia, un certificato che ne attesti la proprietà, con un reddito mensile medio di 5.000 USD al mese e estratti conto dei 3 mesi precedenti.

Attenzione perché il pagamento della tassa di 287 USD non garantisce l’approvazione della domanda.

Quanto è sicura Dubai? In questo momento negli Emirati Arabi si seguono tutte le linee guida e le misure di sicurezza necessarie, il turismo ha riaperto grazie alla gestione della sicurezza e dell’igiene in tutta la città, con accesso a hotel, ristoranti, parchi tematici, spiagge e centri commerciali.

Dubai è stata insignita inoltre del timbro “Safe Travels” dal World Travel & Tourism Council (WTTC), che riconosce il lavoro dell’emirato per prevenire la diffusione del Covid-19.

Dubai ha anche introdotto il timbro “Dubai Assured” per certificare gli stabilimenti che hanno implementato tutti i protocolli sanitari necessari.

Come riportato sul sito ufficiale del Turismo, dove si possono trovare ulteriori informazioni in merito al visto per vivere e lavorare a Dubai per 1 anno:

“Gli Emirati Arabi offrono uno stile di vita sicuro e dinamico, con un equilibrio tra lavoro e vita privata. La città, ampiamente considerata come uno dei principali centri imprenditoriali, vanta anche una vasta gamma di spazi di coworking di alto livello, offrendo pacchetti flessibili che vanno dalle sale riunioni di un’ora fino alle prenotazioni settimanali, mensili o trimestrali.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *