Lavorare felici? In Svezia si può, grazie alla Fika

Shares

Non pensare male; in Svezia la Fika è una parola che indica la pausa caffè, e farla più volte al giorno (anche durante il lavoro) rende felici e aumenta la produttività.

Paese che vai, usanza che trovi, e in Svezia la Fika è sacra, un vero e proprio rituale che viene ripetuto varie volte al giorno. Questa parola può essere interpretata diversamente in Italia, ma a Stoccolma e città limitrofe indica “la pausa caffè, solitamente accompagnata da un dolce”.

fika svezia lavoro

Un caffè o un te, un dolce o una fetta di torta per staccare dal lavoro e rilassarsi e perché no, aumentare anche la produttività durante le ore di ufficio. Uno studio scientifico del 2010 stabilisce infatti che, grazie alla fika, i lavoratori sono meno stressati. Ecco perché la Svezia è uno dei paesi più felici in cui lavorare.

Fika in Svezia, pausa caffè obbligatoria

Questo break è praticamente obbligatorio negli uffici svedesi, solitamente si svolge alle 10 del mattino e alle 15 del pomeriggio, ed è un momento in cui socializzare con colleghi, superiori e al di fuori dell’orario lavorativo, con amici, familiari e partner.

La fika è un vero e proprio stile di vita in Svezia, una pausa caffè di 10/15 minuti per ridere, scherzare, rilassarsi e bere una bevanda solitamente calda, accompagnata da un dolce, quello alla cannella è altrettanto popolare; si chiama kanelbulle in svedese, o cinnamon roll in inglese.

E il caffè? Non è ovviamente come il nostro espresso, ma non è nemmeno troppo annacquato come quello che si beve in America; generalmente viene servito in una tazzona e viene aggiunto del latte e zucchero a seconda dei tuoi gusti personali.

Se quindi sei deciso a trasferirti a lavorare e vivere in Svezia, prendi nota di questa parola per evitare fraintendimenti.

E ricorda inoltre, che non puoi rifiutare la fika; sei moralmente obbligato ad accettare e condividere alcuni momenti della tua giornata lavorativa con colleghi e capi attorno ad un caffè e un dolce.

Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *