Come aprire un’attività in Spagna: documenti, tasse e adempimenti fiscali

Shares

Ci contatta Murielle Medina (colegiada 952 Ilustre Colegio de Titulares Mercantiles de Málaga) che lavora come commercialista a Malaga dal 1993, per dare alcune informazioni pratiche a chi è interessato ad aprire un’attività in Spagna ed investire sulla Costa del Sol. Per qualsiasi dubbio o domanda è possibile contattare direttamente Murielle attraverso la pagina Facebook della compagnia PA&ME ASESORIA.

È sicuramente un buon momento questo per investire in Spagna, come attestato dall’andamento del PIL negli ultimi 2 anni (nel 2014 e nel 2015 è cresciuto rispettivamente del 1,4 e del 3,2 per cento) e dalle prospettive di crescita del biennio 2016/17.

Inoltre a partire dal 2014 il Governo guidato dal Presidente Rajoy ha progressivamente implementato diversi programmi di incentivazione per incoraggiare gli investimenti in settori specifici e gli sgravi fiscali volti a ridurre la disoccupazione tra i giovani.

Se si tiene inoltre conto del favorevole regime normativo in materia d’oneri, pressione fiscale, flessibilità e costo del lavoro, senza nessun dubbio i potenziali investitori italiani troveranno numerosi motivi di interesse per intraprendere attività imprenditoriali in Spagna.

Aprire attivita in Spagna

Naturalmente, per aprire una nuova attività in Spagna (imprenditoriale o commerciale) da parte di un cittadino straniero, è necessario ottenere preliminarmente una serie di permessi ed autorizzazioni.

Sembra quasi superfluo consigliare di avvalersi della competenza di uno studio di consulenza, onde evitare rallentamenti o perdite di tempo.

Non esitare a contattarci in caso di necessità ed avvalerti così di professionisti qualificati. Il nostro studio infatti è in grado di seguirti in tutti gli step necessari per garantire il successo della tua iniziativa imprenditoriale.

Possiamo inoltre effettuare mirate ricerche di mercato per proporti opportunità imprenditoriali, rilevare attività esistenti o semplicemente per individuare una location che soddisfi appieno le vostre esigenze.

Di seguito riportiamo alcune veloci informazioni sui principali adempimenti e documenti da ottenere per aprire attività in Spagna.

Autorizzazioni e permessi per aprire attività in Spagna

Ogni cittadino straniero deve iscriversi all’anagrafe per i cittadini stranieri ed ottenere il NIE, il Número de identidad de extranjero.

Per esercitare qualsiasi attività in Spagna dovrai ottenere la licenza municipale, con la quale sarà possibile aprire l’attività.

È bene sapere che i tempi di ottenimento di questo atto amministrativo possono essere anche di diversi mesi, dipendendo anche dalla tipologia e complessità della attività che si vuole intraprendere. Ci sono però possibilità di abbreviare l’iter o aprire l’esercizio in forma provvisoria, in attesa del rilascio della licenza definitiva.

Naturalmente tutti i lavori di ristrutturazione dei locali devono essere preventivamente autorizzati dal Comune. Particolari attenzioni vanno poste al rispetto delle norme per l’abbattimento delle barriere architettoniche e a quelle di insonorizzazione dei locali (se necessarie).

Adempimenti fiscali

Una volta decisa insieme al consulente la forma fiscale più appropriata per la tua impresa, sarà necessario dotarsi della firma digital ed iscriversi nel registro del censimento fiscale attraverso la compilazione del modulo 036.

Impiego di personale

A tutti i lavoratori spagnoli spetta un salario minimo secondo i contratti nazionali di settore vigenti, 14 mensilità, ferie pagate per un mese e 14 giorni festivi.

L’orario di lavoro di ciascun lavoratore deve essere espressamente indicato dal datore di lavoro attraverso la elaborazione di una tabella oraria, indicante le ore effettivamente lavorate e la tipologia di lavoro (Full oppure Part time).

Molta attenzione va inoltre posta nel rispetto delle norme antinfortunistiche e di tutela dei lavoratori. Le misure di prevenzione e protezione devono essere esplicitate nel Documento di Valutazione dei Rischi. Attenzione… esserne sprovvisti vuol dire incorrere in multe salate, a partire da 2046€ a 40985€!

Tasse e informazioni utili

In Spagna le tasse principali sono l’imposta sul valore aggiunto (IVA), l’imposta sul reddito e le tasse societarie. L’uso del contante dal 2017 è limitato a 1000€ (per cifre eccedenti la sanzione tributaria è del 25% sul totale).

Se vuoi trasferirti in Spagna, prova a dare un’occhiata anche alla guida completa per andare a vivere e lavorare alle Canarie.

Shares

9 commenti su “Come aprire un’attività in Spagna: documenti, tasse e adempimenti fiscali”

Lascia un commento

  1. ciao sono un’assicuratrice italiana, mi piacerebbe cambiare vita e aprire ho piccolo ufficietto a Barcellona proponendo polizze assicurative per furto/incendio veicoli, o aprire cosa completamente diversa pizza al trancio e specialità italiane, cosa è meglio e quali sono i costi ,tasse e permessi?grzie

    • Ciao Monica, le due attività sono molto differenti tra loro e ci sono tantissimi aspetti da valutare, per cui ti consiglio di contattare un professionista del posto che possa aiutarti a chiarire i tuoi dubbi.

  2. Salve,mi chiamo Sara e vorrei trasferirmi entro il 2020 in Spagna e aprire una nostra attività (in realtà stiamo valutando se trasferirci a Barcellona,Valencia oppure alle Canarie)..abbiamo in mente due idee imprenditoriali distinte,una riguardante l’apertura di una bottega artigianale di gioielli e altri manufatti fatti a mano e l’altra di un bar con la vendita di street food.saprebbe darci gentilmente qualche delucidazione su quali possono essere i limiti,le spese ed eventuali problematiche?grazie

    • Ciao Sara, la cosa migliore da fare nel tuo caso è quella di contattare direttamente un commercialista del posto, per capire meglio come muoversi e mettere tutto in regola; l’articolo è stato scritto da una commercialista di Malaga, all’inizio del testo trovi i suoi contatti, per cui prova a contattarla direttamente che saprà sicuramente risolvere i tuoi dubbi.

      Un grosso in bocca al lupo!

  3. Salve vorrei aprire in attività di accessori artigianali come orecchini bracciali ecc… di cosa c’è visogno… vi ringrazio in anticipo… precisamente. Valencia

  4. Buona sera io sono una cittadina rumena situata in Italia, È per aprire un bar gastronomia piatti tipici italiani spagnoli ecc che documenti ci vogliono vorrei più informazioni come dovrei fare e con chi dovrei parlare grazie mille

  5. Ciao mi chiamo Giovanni. ho 57 anni e lavoro come libero professionista nel campo della riabilitazione,
    Vorrei sapere come fare, e se è possibile lavorare o anche aprire in Spagna un centro di riabilitazione motoria.Ritengo molto utile e interessante l’aiuto che date alle persone che intendono cambiare la loro tipologia di vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *