Mollo tutto e parto per realizzare i miei sogni! La storia di Roberto

Shares

Roberto Marchesini, nomade digitale a Chiang Mai

Stanco della solita vita e routine, Roberto ha deciso di mollare tutto e partire per inseguire il suo personale sogno di vivere e lavorare viaggiando. Ora si trova a Chiang Mai in Thailandia, dove si dedica al suo progetto online e vive con circa 600€ al mese. Nell’articolo ci racconta la sua decisione di mollare tutto e partire, con poche certezze ma con la convinzione che, per cambiare veramente vita, bisogna prendere qualche rischio ed uscire dalla propria comfort zone.

Mollo tutto e parto. Chi non ha sognato di farlo almeno una volta nella propria vita?

Solitamente ci viene quasi spontaneo pensarlo quando si è insoddisfatti del proprio lavoro per un periodo abbastanza lungo oppure perchè, per un motivo o per l’altro, si sente il bisogno di cambiare aria. Quando inizi a pensarci troppo spesso, significa che non ti senti più veramente felice, vorresti mollare tutto e partire. Dunque, perchè ancora non l’hai fatto?

roberto marchesini nomade digitale

Mi chiamo Roberto Marchesini, un normale ragazzo di 25 anni che, stanco della solita routine, decisi di mollare tutto e partire per realizzare il mio sogno più grande: vivere e lavorare da qualunque parte del mondo. Oggi sono qui per raccontarti la mia storia a te che vorresti cambiare vita ma sei ancora lì, indeciso se partire o meno.

Perchè hai deciso di mollare tutto e partire?

Premessa: personalmente ci ho messo degli anni prima di decidermi a partire e non è stata di certo una scelta facile. Certo, ora che ho fatto il salto mi sembra tutto più semplice, ma ti assicuro che la mia è stata una scelta molto ponderata.

In italia frequentai una scuola professionale in quanto necessitavo di trovare un lavoro quanto prima visti i problemi che avevo in famiglia e dunque non potei studiare più di tanto, a 18 anni già lavoravo. Passarono 2-3 anni e tutto mi andava benissimo, ero felice perchè avevo dei soldi da spendere e potevo fare un po’ tutto quello che volevo. Poi, iniziai a stancarmi del lavoro che stavo svolgendo. Ogni santa mattina mi svegliavo di malavoglia e mi ero praticamente scordato che cosa significasse essere veramente felici. Non ti è mai capitato di provare questa sensazione? Mi resti conto che nella vita i soldi servono si, ma non sono tutto. Da lì iniziai a pensare al fatto di mollare tutto e partire anche se non avevo le idee ben chiare.

mollo tutto e parto

Ho lavorato per circa 7 anni presso un’azienda che opera nell’industria metalmeccanica e quando mi licenziai (giugno 2014) avevo un lavoro sicuro con un contratto a tempo indeterminato. Molti mi diedero del pazzo quando raccontai loro che decisi di licenziarmi e trasferirmi da solo in un paese del sud-est asiatico per inseguire il mio sogno.

Sono in molti, sopratutto di questi tempi, quelli che vorrebbero partire e cambiare vita e non c’è niente di male in questo. Poi però dopo questo pensiero ne entra in gioco subito un altro: come posso fare?

Ti posso dire per esperienza personale che se si vuole realmente fare questo cambiamento, prima di partire bisogna crearsi un piano ben preciso, non devi solo pensare alle cose che non ti piacciono. Devi uscire fuori da quella zona di comfort che ti sei creato e questo di certo fa paura. Ed è qui che in molti abbandonano l’idea di cambiare veramente vita. Si rendono conto che per mollare tutto e partire bisogna avere il coraggio di rimettersi in gioco e spesso bisogna anche essere disposti a rischiare qualcosa. Per quanto mi riguarda, non è stata una scelta facile, anzi!

Dove ti trovi ora e cosa stai facendo?

Come ti ho anticipato, il mio sogno è quello di riuscire a lavorare da qualsiasi parte del mondo, grazie ad internet ed alle nuove tecnologie. Ma come fare per realizzarlo? Per quanto mi riguarda, ho lasciato un lavoro sicuro in Italia per venire qui a Chiang Mai in Thailandia, dove attualmente sto lavorando ad un progetto che mi sta dando grande soddisfazione. Che cosa sto facendo?

chiang mai quartier generale nomadi digitali

Mi sto reinventando! Da sempre appassionato di informatica in generale e web design, ho creato ormai da qualche mese il sito web Assistenza WordPress dove attualmente scrivo articoli utili per chi è interessato alla piattaforma WordPress. Per guadagnarmi da vivere inoltre offro diverse tipologie di servizi premium quali:

  • Creazione di siti web
  • Supporto WordPress
  • Consulenza WordPress

Attualmente ancora non sono riuscito a ricavarne uno stipendio pieno ma sono molto fiducioso per il futuro. Sono convinto che se si lavora duro e con una strategia ben precisa, i risultati presto o tardi arriveranno di sicuro.

Perchè hai scelto proprio la Thailandia?

Ho scelto di venire in Thailandia per un motivo ben preciso: realizzare il mio sogno. Da una parte volevo cambiare proprio continente e quindi andare a scoprire una cultura completamente diversa dalla mia e dall’altra dovevo andare a vivere in un paese dove il costo della vita fosse molto più basso rispetto all’Italia, questo perchè mi serviva del tempo per avviare il mio progetto online.

Cercando informazioni nel web riguardanti questa nazione, mi imbattei in un articolo dei Nomadi Digitali. Scoprii che Chiang Mai è il quartier generale per chiunque voglia avviare una propria attività online.

mollare tutto e cambiare vita

Eccitato non persi un attimo e andai a contattare subito l’autore dell’articolo per chiedergli se fosse disposto a darmi qualche consiglio in più e accettò con molto piacere. Da lì nacque un buon rapporto di amicizia ed attualmente ci troviamo molto spesso per lavorare insieme all’interno in uno dei numerosi coffee shop che ci sono qui, a Chiang Mai.

Quali piani hai per il tuo futuro?

Bella domanda! Penso che per i prossimi anni continuerò a viaggiare e a lavorare online nel sud-est asiatico in quanto ci sono posti davvero meravigliosi da visitare ma sopratutto da vivere. Mi piacerebbe molto infatti potermi fermare in una nazione per almeno un paio di mesi così da poter vivere con i locali ed apprezzare di più la cultura del posto per poi cambiare posto di nuovo, continuamente. Per quanto riguarda le spese devi sapere che qui la vita costa molto di meno, senza entrare tanto nei particolari pensa solo che attualmente a Chiang Mai vivo da solo con circa 600€ al mese!

Dove ti vedi tra 5 anni?

Tra 5 anni o più se devo dirti la verità io mi vedo a vivere in qualche bella isola tropicale, probabilmente all’interno di qualche villaggio con casa in affitto. Foresta, spiaggia e mare, una vita tranquilla e poco costosa, senza troppo stress. Diciamo però che attualmente non ho alcuna intenzione di fermarmi, ho tanta voglia di andare a scoprire altre parti del mondo, poi chissà, magari un giorno mi stancherò di viaggiare e mi farò una famiglia ma è ancora troppo presto per parlarne.

In questa breve intervista ho cercato di raccontarti brevemente quella che è stata la mia storia. Spero di essere per te fonte di ispirazione e spero che anche tu riesca a trovare il coraggio di dire mollo tutto e parto! se è quello che veramente vuoi fare.

Ad ogni modo sentiti libero di lasciarmi un commento nel box che trovi qui sotto, sarò felice di poter rispondere alle tue domande per quanto mi sia possibile.

Shares

6 commenti su “Mollo tutto e parto per realizzare i miei sogni! La storia di Roberto”

  1. Ciao Roberto.
    Innanzitutto complimenti, perché nonostante la giovane età (io ho un anno in meno di te) hai molta più esperienza di tante persone con 2/3 volte i tuoi anni! Detto questo, sono rimasto colpito da ciò che hai scritto, perché tanti concetti (i soldi non sono tutto, godersi la vita, viaggiare) li condivido in pieno. Purtroppo, a causa di problemi di natura familiare, dopo due mesi passati all’estero con la mia famiglia siamo rientrati nella nostra città, e questo mi è dispiaciuto e non poco perché ci eravamo trasferiti nel posto in cui ho sempre sognato (e ancora sogno!) di vivere. Ora, permettimi qualche domanda:
    1)con quale conoscenza delle lingue straniere sei partito?
    2)quale sono state le reazioni dei tuoi genitori e della tua famiglia in generale?
    3)come reputi la qualità della vita nei continenti in cui sei stato? È migliore della nostra qui in Italia?
    Io ho da pochissimo intrapreso il mio primo lavoro “serio” (mi sono laureato in legge a dicembre, prima ho sempre fatto il cameriere per pagarmi gli studi) e, sinceramente, per ora sono impaurito, spaesato e mi sento inadeguato. Mi piacerebbe, se fosse possibile, mantenermi in contatto (sporadicamente) con te, così forse comincerei anche io a costruirmi un futuro nel posto che più mi piace!
    Un saluto e ancora complimenti per tutto ciò che hai fatto, fai e farai!

    Rispondi
  2. Caro Roberto appena ho letto riguardo al titolo di studio mi sono rincuorata perché anche io sono segretaria professionale e non ho particolari titoli. Mattia invece è programmatore. Una cosa è certa. Non vogliamo avere obblighi verso un lavoro a tempo e orari fissi. Desideriamo diventare nomadi digitali. Leggevo che molta gente inizia da Chiang Mai e volevo saperne di più. Tu sei ancora lì? È il caso che veniamo x vedere di persona? Ci stavamo appunto pensando. Grazie e complimenti x i tuoi meritati successi.

    Rispondi
    • Ciao Laura ti rispondo io per il momento dato che non sono sicuro che Roberto legga il commento 🙂 diventare Nomadi Digitali è un cambiamento molto importante, che io stesso ho affrontato… però per prima cosa bisogna crearsi un lavoro indipendente da orari e luoghi. Andare a Chiang Mai o in qualsiasi altro posto del mondo penso sia una tappa successiva, quando già si ha una base da cui partire. In ogni caso ho letto la tua mail e ti scrivo con più calma a breve 😉

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *