Nomadi Digitali, chi sono e cosa fanno? Lavorare e viaggiare per il mondo

Shares

Lavorare e viaggiare allo stesso tempo: si può fare! Lo dicono i nomadi digitali. Ma chi sono e cosa fanno questi sconosciuti? Ormai questo termine è entrato a far parte del linguaggio comune, ma forse non tutti hanno capito cosa significhi davvero.

In questo articolo ho riassunto il mio punto di vista su un argomento che mi tocca da vicino, perché anche io lavoro viaggiando 🙂

Chi sono i nomadi digitali?

Parto dalla definizione trovata su Wikipedia: I Nomadi digitali sono individui che sfruttano le tecnologie digitali per svolgere il loro lavoro e conducono il loro stile di vita in modo nomade. Generalmente lavorano in remoto da casa, da bar e caffetterie, da biblioteche pubbliche etc. svolgendo compiti e portando a termine obiettivi che si svolgevano tradizionalmente in un unico posto di lavoro fisso.

Nomadi Digitali

“Toglietemi tutto, ma non il mio laptop”. Prendo in prestito questo famoso slogan pubblicitario degli anni Novanta per descrivere una categoria di persone ben precisa: i giovani che hanno scelto di dire addio al posto fisso per diventare professionisti del digitale.

I nomadi digitali li riconosci subito. Sono quelli che non si separano mai dal computer portatile e che, quando ordinano un caffè, chiedono anche la password del Wi-Fi. Ovunque si trovino.

È facile incontrarli negli aeroporti, in coda al gate con i loro zaini enormi sulle spalle, in attesa di imbarcarsi verso la prossima destinazione. Ma anche nelle caffetterie, dietro le scrivanie di un coworking e da qualche parte nel Sud Est Asiatico, ad esempio la Thailandia, una delle mete più gettonate.

Forse ti starai chiedendo come fanno a spostarsi così di frequente. È molto semplice: possono lavorare e viaggiare allo stesso tempo grazie a internet. Tutto quello di cui hanno bisogno è una connessione stabile e un computer da cui scrivere, tradurre, programmare, disegnare, rispondere alle chiamate e quant’altro.

Non sono creature mitologiche, ma persone normali che hanno avuto il coraggio di fare una scelta diversa, forse un po’ fuori dagli schemi. Hanno scelto di investire su loro stessi per riprendersi la libertà di gestire il proprio tempo come meglio credono.

Certo, non è che sia tutto rose e fiori. La vita da freelance nomade digitale è dura, non è per tutti. L’incertezza economica, lo stress di andare continuamente alla ricerca di nuovi clienti, le fatture da inviare ogni mese, i mancati pagamenti.

Però. È anche l’occasione per realizzare un sogno che rimandi da troppo tempo, magari per via degli straordinari che ti impegnano fino a tarda sera. È il momento di plasmare una vita sui tuoi ritmi, e non su quelli imposti da qualcun altro. È l’opportunità di gestire le cose a modo tuo e di prenderti tutte le responsabilità, sia per i successi che per i fallimenti.

Tutto questo ti intimorisce o ti fa venire voglia di metterti in proprio all’istante? Se propendi di più per la seconda opzione, nei prossimi paragrafi troverai qualche buon suggerimento per capire se diventare nomadi digitali è quello che fa per te.

Come diventare nomade digitale: i lavori più diffusi

Non esistono formule magiche, incantesimi o beveroni multivitaminici che ti possano trasformare in un nomade digitale così, con un semplice schiocco di dita. Si tratta di un percorso molto personale, che varia tantissimo da persona a persona.

Ci vuole coraggio a lasciare un posto fisso e la sicurezza economica che ne deriva, certo, ma ce ne vuole altrettanto per riuscire a costruirsi una carriera da freelance senza mollare alle prime difficoltà.

lavorare e viaggiare per il mondo

Chiunque può diventare un nomade digitale, anche se non ha mai sentito parlare di WordPress né di Facebook Ads prima d’ora. Basta studiare molto, anzi moltissimo. Eppure solo in pochi hanno la spinta, la determinazione e la costanza necessaria per arrivare fino in fondo.

Prima di iniziare a chiederti come diventare nomadi digitali, ti suggerisco di lavorare sulla tua motivazione. Cosa ti spinge a voler intraprendere questa strada? Quali sogni vuoi realizzare? Sei sicuro che il nomadismo digitale sia il percorso adatto a te?

Cerca di essere il più onesto possibile quando rispondi a queste domande. È inutile mentire o, peggio ancora, stare sul vago. Così facendo inganni solo te stesso. Non sottovalutare l’importanza di questo momento, perché sarà proprio la tua motivazione a salvarti nei momenti di sconforto.

Cosa fanno i nomadi digitali?

Detto questo, sappi che ci sono infinite possibilità per diventare un libero professionista del web, sia per chi ha già competenze in materia che per chi parte da zero.

I lavori più diffusi tra i nomadi digitali sono (in ordine sparso):

  • Web designer
  • Programmatore
  • Copywriter
  • Grafico
  • Insegnante di lingue straniere
  • Coach
  • Insegnante di yoga
  • Social media strategist
  • Blogger
  • Assistente virtuale
  • Traduttore
  • Consulente (fiscale, legale, SEO etc.)

Quelli citati sono solo alcuni esempi che ti permettono di lavorare e viaggiare per il mondo, ma naturalmente ce ne sono molti altri.

Se stai già lavorando come dipendente in uno di questi campi, puoi tentare di proporre al tuo capo un accordo per lavorare da remoto qualche giorno alla settimana. È un ottimo metodo per iniziare a testare il terreno e capire se la vita del freelance digitale fa davvero per te.

Se invece non hai competenze particolari in nessuno di questi ambiti, parti dalle tue passioni. Cosa ti piace fare? C’è un lavoro fra questi che ti esalta di più e che ti fa venire voglia di provarci? Affidati alla tua creatività!

Forse hai una passione particolare, qualcosa che non si vede in giro molto spesso. Magari ti piace cucire pupazzi per bambini, coltivare fiori rari o dipingere: beh, potresti pensare di aprire un e-commerce e digitalizzare il tuo hobby! Ci avevi mai pensato? Potrebbe persino diventare un lavoro a tempo pieno 🙂

Risorse per aspiranti nomadi digitali

Lo so, quando si è agli inizi non si sa mai da dove partire. Ci sono passato anche io. So quanta fatica si faccia a trovare le informazioni giuste per strutturare la propria attività da nomadi digitali.

Per fortuna negli ultimi anni le cose sono cambiate molto. Oggi sul web si trova una miriade di informazioni, libri, video e risorse di ogni tipo sul tema del nomadismo digitale, sia gratuite che a pagamento. Ce ne sono talmente tante che a volte diventa davvero complicato distinguere le fonti valide da quelle inutili o, peggio ancora, ingannevoli.

Voglio quindi segnalarti qualche risorsa che è stata di fondamentale importanza nel mio percorso per diventare nomade digitale. Naturalmente questo non vuole essere un elenco definitivo ed esaustivo, ma solo uno spunto da cui partire per iniziare a orientarsi in questo mondo.

Libri sul nomadismo digitale:

Vita da Nomadi Digitali, il mio libro sul nomadismo digitale

Vita da Nomadi Digitali: Come cambiare vita, lasciare un posto di lavoro fisso, creare un lavoro online e viaggiare per il mondo a tempo indeterminato
36 Recensioni

Sulla strada giusta, di Francesco Grandis

Offerta
Sulla strada giusta
77 Recensioni
Sulla strada giusta
  • Francesco Grandis
  • Editore: Rizzoli
  • Copertina flessibile: 693 pagine

Le coordinate della felicità, di Gianluca Gotto

Le coordinate della felicità
134 Recensioni
Le coordinate della felicità
  • Gianluca Gotto
  • Editore: Autopubblicato

The Art of Non-Conformity, di Chris Guillebeau

The Art of Non-Conformity: Set Your Own Rules, Live the Life You Want, and Change the World
1 Recensioni
The Art of Non-Conformity: Set Your Own Rules, Live the Life You Want, and Change the World
  • Chris Guillebeau
  • Editore: Tarcherperigree
  • Edizione n. 0 (09/07/2010)

Siti web e risorse per nomadi digitali:

Gruppi Facebook

Personalmente, trovo che i gruppi Facebook siano la risorsa più adatta per addentrarsi nel mondo del lavoro da remoto e capirne di più sui nomadi digitali. Ti offrono la possibilità di conoscere chi ha già intrapreso questo percorso e ce l’ha fatta, confrontarti e imparare molto. E perché no, fare nuove conoscenze che non guasta mai!

Con questo articolo dovresti già avere un buon punto di partenza per studiare il nomadismo digitale e capire se è quello che stai cercando per cambiare vita. Dai un’occhiata anche al mio video qui sotto 🙂

Spero davvero di averti aiutato a schiarirti le idee sui nomadi digitali. Hai qualche altra domanda da farmi a riguardo? Scrivimi pure nei commenti, sono lì apposta 😉 Non mi resta che augurarti in bocca al lupo per la tua nuova avventura!

Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *